La sonda aliena su Marte fotografata da Curiosity

Leggendo certi articoli in merito a Curiosity, viene a me una Curiosity, ovvero quale gusto si provi nel diffondere falsità in rete. Satira, direte voi. Magari, quella piace anche a me. Qui si tratta di tutt’altro, di veri e propri castelli in aria. Nonostante anche questo tipo di notizie faccia sorridere (non perché siano effettivamente buffe, ma solo perché è incredibile come chi le scrive sia convinto di quello che sta facendo), in realtà è un fatto allarmante, un’altra tacchetta toccata dall’asticella delle bufale in rete. Se avete seguito questo blog negli ultimi mesi avrete infatti notato come la maggioranza delle notizie riportate sia in realtà uno “sbufalamento” di altre… Vediamo quindi che ci propone oggi il meraviglioso mondo di Internet.

L’articolo sopra linkato, scritto ieri, si apre con questa immagine, recuperata dal WEB:

Sphere1

 

Quasi al centro dell’immagine è possibile notare un pezzetto di roccia, di forma pressoché sferica, con tanto un’apparente ombra sottostante (da qui la descrizione “sonda aliena”, un drone o un apparato di ricognizione svolazzante a pochi millimetri dal suolo). Viene evidenziata poi l’analogia con una sfera immortalata a San Paolo, in Brasile. Vorrei dedicare un secondo a questo paragone che già di per sé strappa una risata. Non conosciamo le dimensioni dell’oggetto (che è poi un sasso, ma ci arriviamo fra pochissimo, per ora ipotizziamo sia davvero una “sonda aliena”) ma possiamo pensare sia sito a qualche decina (ad esagerare un centinaio) di metri da Curiosity. Lo vediamo piuttosto piccolo, se fosse accanto al rover sarebbe grande più o meno quanto una sua ruota, diciamo un po’ meno, dato che misurano 50cm di diametro. Approssimiamo quindi le dimensioni della sfera e supponiamo sia di 40-50cm di diametro, ovvero, vista frontalmente, sarebbe grande più o meno come la ruota di un grosso SUV senza lo pneumatico (20 pollici). E’ un oggetto effettivamente grande, ma immaginate di vederlo in cielo, molto in alto e distante da voi, tanto che dovete zoomare molto per vederlo bene sullo schermo del dispositivo che lo riprende. Esaminiamo il fotogramma preso in considerazione nell’articolo del sopra linkato blog:

Black-Sphere-in-Sau-Paulo-Brazil957

 

Nonostante uno zoom notevole sulla sfera (guardate quella che sembra una corda in primo piano quanto è sfuocata e poco definita), essa resta comunque piuttosto piccola, deduciamo quindi, che se non fosse presente lo zoom, la noteremmo appena, e ci sembrerebbe un minuscolo pallino. Come può quindi apparire grande come quella vista su Marte se è mostruosamente più lontana? Chiaro che, sempre se il video è autentico, si starebbe parlando di un oggetto estremamente più grande di una ruota da 20 pollici di un SUV, quindi l’eventuale oggetto fotografato su Marte non sarebbe lo stesso fotografato in Brasile.

Questo dettaglio la dice assai lunga sul fatto, ma arriviamo in fondo. Si potrebbe pensare che la sferetta marziana sia fluttuante a causa di due elementi, che ingannano il nostro cervello: “l’ombra” sotto l’oggetto e la metà inferiore più scura. In realtà, se non vedessimo “l’ombra”, l’oggetto ci sembrerebbe una normale roccia come tutte le altre presenti, con un lato esposto alla luce ed un’altro no. Ritoccando un po’ l’immagine, ecco che “la sfera” quasi non si nota, come i massi circostanti:

Sphere2

 

Ad avvalorare questa teoria, il fatto che il lato in ombra della roccia in esame sia esattamente corrispondente alla parte in ombra delle altre rocce sul suolo. E’ quindi ovvio che l’illusione ottica creata dal lato in ombra ed una roccia antistante di forma triangolare hanno creato una falsa prospettiva che dava l’idea di una sfera fluttuante. Si nota anche che la presunta ombra lasciata sul terreno è quasi triangolare, mentre l’ombra di una sfera è a forma di ellisse, anche se, su un suolo così sconnesso, non sarebbe molto riconoscibile (certamente però non sarebbe triangolare).

La bufala di oggi (per fortuna) termina qui, speriamo di non trattare più argomenti del genere su 45 Giri Volanti.

 

Advertisements