UFO nell’URSS: terreno inesplorato o buco nell’acqua?

Dopo aver parlato di UFO e extraterrestri negli Stati Uniti ed in Europa, è necessario citare, anche se brevemente, gli Ufo dell’Unione Sovietica. Il termine “Unione Sovietica” non è proprio esatto, poichè i casi che vedremo analizzati in seguito non sono accaduti nel periodo storico in cui i Paesi attorno alla Russia erano uniti insieme (quella che chiamavamo URSS, o se preferite la sigla internazionale, USSR), tuttavia, per generalizzare la posizione geografica al fine di evitare posizionamenti fisici errati dei singoli casi, si utilizza questo termine. Essi, per quanto sconosciuti ai più, sono in realtà particolarmente interessanti. Vediamo perchè. Mentre i dischi finora analizzati risultavano visibili solo ai più attenti, poichè quasi invisibili nei cieli a causa delle loro velocità supersoniche o dei materiali molto riflettenti, gli avestimenti Russi (tre, i più significativi) sono invece delle vere e proprie “bombe“. Il primo avvistamento, avvenuto nel 1908, è passato alla notorieta come “esplosione di Tunguska“. In realtà, invece, si è trattato di un equivoco. Quello che pareva fosse un incredibile incidente ufologico, era invece un’enorme esplosione causata (probabilmente) da un meteorite o comunque da un corpo celeste convenzionale. Il secondo caso storico, forse il più famoso, è accaduto nel 1986. Fu nominato “Height 611“, ispirandosi all’altitudine a cui è avvenuto il “fattaccio”, più comunemente noto come Monte Izvestkovaya. Purtroppo, in questo caso, le fonti da cui attingere sono quasi inesistenti, e le poche che sono riuscito a trovare erano tutte in Russo o in Inglese (traduzione di un testo originario scritto in Russo), perciò riportare e ricostruire come sono andati i fatti non è molto semplice. Tornando a noi, quello che ci interessa, è capire cosa è successo. Ebbene, verso le 8 di mattina, gli abitanti di un paesino situato sul Monte Izvestkovaya, videro una sfera di colore rosso (ironia della sorte, una sfera rossa in Russia…) sorvolare ad una velocità relativamente alta (si stima attorno ai 15 m/s) il paese. Giunta alla fatidica quota di 611 metri ha iniziato una discesa (non si è mai capito se repentina, zigzagante, alternata…) verso la parete rocciosa, terminata in un impatto alquanto violento. I testimoni dicono di non aver udito nessun rumore, nè durante il volo, nè durante la discesa; al momento dell’impatto non è chiaro, stando alle testimonianze, se è stato udito un “botto” o se si sono sviluppate fiamme. Alcuni sostengono che ci sia stato un piccolo incendio del boschetto accanto al luogo dell’impatto durato però meno di un’ora. Il giorno dopo l’impatto, un team di ufologi capitanato da Valery Dvuzhilny (Il suo nome ricorrerà poi verso il 2011 per la presunta scoperta di una piastra di alluminio aliena, ma questa è un’altra storia…) che trovarono sul luogo dell’impatto una traccia quadrata (c’è chi sostiene che misurasse 2 metri per 2, altri 3 metri per tre…) e, tutt’attorno, delle “goccioline” (?) di piombo, a quanto pare dalle analisi chimiche fatte su di esso, non si trattava di piombo convenzionale, raffrontato con il piombo estratto nella zona. Nella zona di atterraggio c’erano anche strane perline simili al vetro di colore nero e detriti. Il terreno ed un albero caduto sulla zona d’impatto sembravano fossero stati colpiti da temperature molto alte. Tuttavia non pareva ci fossero radiazioni più alte del normale. Gli ufologi registrarono la spedizione con due telecamere ma, una volta sviluppato il filmato, ottenero una pellicola bianca ( o vuota, che dir si voglia). Non avevano premuto il pulsante d’accensione? E’ stata una conseguenza dell’impatto del misterioso oggetto che impediva il regolare funzionamento dei dispositivi (cosa possibile, vedremo poi)? Chi ha sviluppato il filmato era un’incapace? Queste domande, purtroppo non troveranno mai risposta (o forse sì? Incrociamo le dita…). Per chi volesse approfondire la questione, allego il link dove è descritto l’incidente in modo più dettagliato, ma in Inglese: “http://en.wikipedia.org/wiki/Height_611_UFO_incident” Essendo una voce di Wikipedia, non posso garantire che tutte le informazioni riportate siano esatte, ma leggendolo mi pare che grossomodo cosrrisponda a ciò che ho trovato io… Il terzo ed ultimo caso, molto più recente (1990-1992) è forse il più misterioso dei tre. Anche qui, due enormi esplosioni, una nel 1990 e una nel 1992, interessarono la città di Sassowo. Purtroppo non ci sono ulteriori dettagli, nè se ci furono vittime, nè da cosa furono scaturite esattamente.

Tutto questo ci riporta alla domanda iniziale: per quello che mi riguarda, dal punto di vista ufologico, la Russia, è un terreno assolutamente inesplorato. Ci sono pochi dettagli riguardo agli avvistamenti e agli incidenti, e anche questi ultimi sono in numero molto basso, insolito per un territorio esteso come la Russia. Credo fermamente che, indagando seriamente, ci sia davvero molto da rivelare.

Tragedia di Ustica: uno dei più grandi misteri dello Stato Italiano, ma di chi è davvero la colpa?

 

Advertisements