“Squadra Speciale UFO” – Puntata del 28/04/13

Eccoci giunti ad un altro commento di una puntata fra le tante trasmesse nelle interminabili serie televisive. Dunque, di cosa trattava questa puntata? Forse sembrerò monotono e difficile da accontantare, ma non posso fare a meno di dire che anche qui non percepivo quel “Qualcosa” che fa la differenza fra una novellina e un programma scientifico ma coinvolgente, capace di miscelare la precisione e l’esattezza della scienza e degli studi con ricche ed estese opinioni personali motivate in modo brillante. Tuttavia, non tutto è perduto, perchè rispetto alla puntata scorsa (La Storia Segreta degli UFO) c’è stato un passo avanti discreto, soprattutto perchè trattandosi di una serie oramai collaudata, i conduttori sono gli stessi, e fra loro dialogano, si confrontano e si “muovono” in modo alquanto confidenziale, strizzando l’occhio alla quantità delle informazioni. L’argomento trattato, devo ammeterlo, non era particolarmente famoso, per cui si poteva spaziare liberamente. Così è stato: in pratica i tre (un’esperta di tecnologia, un ufologo e uno geologo) si trovano ad analizzare un  filmato girato nel 1997 dove si vedrebbe un UFO “rimbalzare” sul terreno nei pressi di una base missilistica per poi terminare la corsa in uno spettacolare botto. I tre si recano dal tizio che glielo ha fornito, un anziano ufologo con una benda nera (?) che gli riferisce di non essere l’autore del video ma di averlo ricevuto in maniera anonima nel 1997. Lui crede che gli alieni ci abbiano visitato più volte e questa sia la prova di un atterraggio fallito. Fra l’ufologo e il geologo parte una piccola discussione sulla natura dell’oggetto: un disco o un missile (o, per usare le parole dei due, un plum cake o una matita)? Per risolvere tale dubbio si recano da un esperto di missili e pilota di caccia oramai in pensione, che conferma che si tratti di un disco. Tuttavia, la sua risposta potrebbe essere stata influenzata da un avvistamento a cui ha assistito quando era in servizio.

Durante la notte salgono su una montagna nei pressi della città in cui si registrarono più fenomeni (ah, dimenticavo, tutto si svolge in New Mexico), equipaggiati di telecamere termiche, binocoli e di “intercettatore radio” per ascoltare le conversazioni fra i piloti e la torre di controllo. Finiscono l’esperienza senza successo quando un pilota li vede e segnala la loro presenza alla torre di controllo.

Che dire dunque? Sicuramente interessante, soprattutto per l’originalità dell’argomento. Nel mio decoder ho un’altra puntata della stessa serie registrata, nei prossimi giorni arriveranno il commento e la “critica”, che chiuderrano il ciclo dedicato alle puntate televisive per dare il cambio alle puntate che a voi tutti piacciono tanto e che fino ad’ora avete seguito di 45 Giri Volanti!

Advertisements

“La Storia Segreta degli UFO” – Puntata del 28/04/13

In questi giorni, considerando che le nostre “puntate” sono arrivate a buon punto, verranno “sospese” per parlare e commentare alcuni episodi delle più celebri serie televisive sugli UFO. Iniziamo con “La Storia Segreta degli UFO“, andata in onda il 28 Aprile scorso. Essendo trasmessa su National Geographic, credevo fosse, come la maggior parte dei programmi che possiamo trovare su quel canale, molto rigorosa dal punto di vista scientifico ma anche curata nei dettagli, con video inediti, immagini in alta definizione (o comunque “digitalizzate“…), ma purtroppo non è stato così. Innanzitutto, per l’ennesima volta, si è parlato dei soliti, conosciuti, discussi, monotoni e documentati fino all’inverosimile avvistamenti, a partire dalle Luci di Phoenix. Se da un lato è bene che siano riportati casi comprovati e analizzati nei dettagli, per evitare di diffondere notizie vere a metà (o per nulla…), dall’altro chi è nel “giro” (gioco di parole…) dell’ufologia da qualche anno non ne può più di sentire sempre le stesse cose… L’unico aspetto che mi è piaciuto riguardo a questa storia è che (devo essere onesto, non lo sapevo) ci fu un’altro avvistamento, praticamente sconosciuto e per nulla documentato. In pratica, prima delle luci che tutti conosciamo, fu registrato l’avvistamento di un grande triangolo in prossimità della cima di una montagna a circa 80 km. Il Triangolo venne descritto come un oggetto lungo come due/tre campi da Football, molto silenzioso e anche “semitrasparente”: pareva come infatti che l’interno fosse suddiviso in scomparti. Poi, in un lampo, sparì nel nulla. Dopo dieci minuti abbondanti di “luci” si è iniziato a parlare (facendo diminuire, a mio vedere, la serietà del programma) di Incontri Ravvicinati e di Contattisti. In pratica si è detto che la maggior parte dei contattisti degli anni ’70 erano “truffatori”, che si divertivano a raccontare balle a pagamento… L’unica storia considerata plausibile era quella di una coppia che, viaggiando di ritorno dal Canada, venne rapita dagli occupanti di un Disco.

In conclusione credo che la puntata non fosse assolutamente all’altezza di come fu presentata, in parte perchè condotta da “scettici“.

Nei prossimi giorni arriveranno altri commenti…

Nuovo programma su National Geographic

Breve post per segnalarvi che il 28 Aprile verrà trasmessa su National Geographic una puntata dal titolo “La storia segreta degli UFO”. Conoscendo National Geographic credo che non sia la solita storiella che tutti conosciamo. Dopo la puntata pubblicherò vari post con commenti e opinioni. Ovviamente anche voi potrete commentare con le vostre opinioni!