Un UFO durante l’incidente dei Tornado: basta, vi prego…

È successo ancora. E non sarà, purtroppo, l’ultima volta che succederà. Ancora una volta, sull’ennesimo sito, è stata riportata una notizia “attira – mosche” come quella che abbiamo trattato pochi giorni fa qui. Finché si scrivono scemenze riguardo le rocce marziane, va bene, leggiamo l’articolo consapevoli che sono tutte balle e la prendiamo sul ridere. Ma quando si tira in ballo un grave incidente militare (dove 4 persone hanno perso la vita in modo molto drammatico) pur di ottenere visitatori sul sito non va più bene. Anche se ci fosse una base di verità dietro a tutto ciò (e credetemi, non c’è, è una stupidaggine vera e propria scritta così, spero davvero per ottenere views e non perché chi lo ha scritto sostiene che sia una verità), aspettate a divulgarla, quantomeno aspettate un riscontro scientifico o prove ad evidenza del fatto. E invece no, certa gente riuscirebbe ad avvistare un UFO anche dentro ad una scodella di minestrone. Sarò breve perché davvero non merita sprecare un post per tutto questo. Allora, qui trovate l’articolo originale (davvero volete leggerlo e regalare visualizzazioni ad un sito che fa disinformazione?). Nel suddetto articolo si parla del video diffuso dal TG1 che contiene alcuni fotogrammi dell’incidente fra i due Tornado avvenuto il 19 Agosto. Nel primissimo fotogramma, che riporto sotto e con cui si apre l’articolo, è ritratto un puntino nero in mezzo allo schermo, che nel fotogramma successivo non si vede in quanto quasi tutta la scena è occupata dall’esplosione degli aerei:

IMG_0492.JPG

Ebbene, chi ha scritto l’articolo sostiene che quell’oggetto sia un UFO. Ora, capisco che possa esserci un fondo di verità, se uno ha molta fantasia ed è nel bel mezzo di un trip da LSD, cioè, l’oggetto non è ben definito ed è molto sgranato, questo è vero, ma la probabilità che si tratti di un UFO è estremamente piccola. Perché? I due caccia volavano a quota molto bassa e difatti, come racconta un testimone qui, era possibile vederli senza problemi da terra. Credo quindi che sia molto probabile (direi al 99%) che quell’oggetto ritratto sia uno dei due Tornado, e non un UFO. Ad avvalorare la tesi, il servizio del TG1:

Il servizio si apre sul fotogramma incriminato (con tanto di zoom, quindi…) accompagnato dalle parole “È questo il momento della collisione…” quindi anche chi ha montato le immagini e prodotto il sevizio è convinto che quello sia uno dei due caccia. Non a caso, nel fotogramma successivo, il pallino scompare nella nube di fumo nero originata dall’esplosione.

Non credo ci sia altro da aggiungere, in quanto è assolutamente evidente che quello ritratto sia uno dei due caccia coinvolti.

Trovato un osso su Marte: davvero?!

Si sà, d’estate non c’è niente da dire. Soprattutto nel mese di agosto. Come ottenere quindi visualizzazione sul proprio sito e attirare attenzione sui propri contenuti? Bel dilemma. Il problema comunque è presto superato, perchè basta il minimo granello di polvere (lunare preferibilmente, visto il contesto in cui siamo) per scatenare una tempesta di sabbia. Fra le varie notizie e i vari articoli che riempiono la mia Home di Facebook, molto spesso, trovo (purtroppo) notizie al limite fra il ridicolo ed il paradossale. Non si capisce se chi le scrive lo fa per ottenere visualizzazioni e per non lasciare il proprio sito “in panne” con articoli datati o se ci crede davvero. Spero che lo facciano per il primo motivo. Il caso (opterei più per “boiata) che tratttiamo oggi non fa eccezione ed è degno del blog “Lercio“.

Trovate qui l’articolo originale a cui faccio riferimento, vi invito a leggerlo prima di proseguire nella lettura anche se, siccome la maggior parte dei miei lettori non lo leggerà, riassumerò brevemente cosa dice.

Durante una classica esplorazione del Gigante Rosso da parte della sonda MastCam, è stato “immortalato” un oggetto in una buca vicino a delle pietre che, sotto l’effetto di pesanti droghe che portano ad alterazioni della vista, potrebbe vagamente sembrare un osso, nello specifico un femore. Ecco di seguito la foto con cui si apre l’articolo sopra linkato:

Ossu su Marte

Più sotto, nel post, vengono poi riportate altre notizie relative alla colonizzazione del pianeta Marte, perchè è in atto un progetto per iniziare ad “invadere” questo pianeta. Nessun umano però metterà piede sul pianeta rosso, perchè la colonizzazione attualmente allo studio prevede che i primi organismi terrestri ad arrivare saranno… Cianobatteri. Non molto entusiasmante, per loro. Ma questa è un’altra storia, torniamo alla nostra divertente vicenda dell’osso su Marte. Gli autori dell’articolo scrivono che “La NASA non sembra molto colpita“: menomale, vuol dire che qualcuno che mette in moto il cervello ancora c’è. “Su Marte, come sulla Terra, a volte le cose possono assumere un aspetto insolito” dissero alla NASA qualche anno fa in mertio ad un caso analogo a quello trattato e, nell’articolo, viene giustamente riportata questa frase indiscutibilmente vera. C’era bisogno di sprecare un post per questo? Sì, in quanto (che ci crediate o meno) diverse testate molto importanti, diversi ufologi, studiosi e appassionati in generale, stanno davvero perdendo tempo, parole e riflessioni in merito a questo oggetto, che, mi pare superfluo sottolinarlo, è un sasso modellato dall’atmosfera marziana.

Sardegna, località di Palau. Che c’entra con gli UFO e i sassi Marziani? Guardate la foto sotto:

Orso sardo

Nella foto è ritratta una roccia chiamata “Roccia dell’Orso” ed il perchè lo si evince subito. La roccia granitica, modellata dal vento e dal tempo, somiglia ad un orso (molto grande fra le altre cose, in basso a sinistra ci sono dei turisti, per dare un’idea delle dimensioni). Proprio come l’osso marziano, è semplice caso che una conformazione rocciosa somigli ad un oggetto ben più noto e familiare.

Niente di strano quindi, e niente ossa su Marte. Di cosa parleremo nel prossimo post? Di discariche abusive sulla Luna? Perchè no…